A V. M.


13 aprile 1904 - 13 aprile 1924


Quando nascesti era l'aprile e intorno
Tutta olezzo di fiorni la natura...
Or dieci volte e dieci fe' ritorno
A' tuoi colli toscani la verzura.

Volgiti indietro e ridi al tuo bel giorno,
Che nell'eterna luce s'infutura,
Poi che l'ha il pianto di sue gemme adorno,
Poi che dal male l'alma tua fu pura.

Altri creda che il tempo voli al nulla
E che la lotta che duriam sia vana...
Verso la mèta tu, che in Ciel sfavilla

Leva lo sguardo, dove il genio brilla,
E confortin la tua sera lontana
L'innocenza e il candor della tua culla!