Scena intima



Scrivo: qui presso a me Babbo riposa;
Mdito un tema tormentoso e stanco,
Palpita il core ed il cervel di posa
Avrebbe d'uopo, ma mio Padre al fianco

Quando mi vedo, non son pił ritrosa
Al lavor de la mente e nel creato
Tutto mi sembra un rifiorir di rosa,
Sol ch'io miri quel capo venerato!

Scrivo senza fatica ed il pensiero
Alacre mi diviene, vivo, aperto
De l'arte a concepir tutto il divino!

Quanta luce rispelnde sul sentiero,
Cupo sovente di mia vita ed erto
Sol che tu, Padre mio, mi sia vicino!

Giugno 1919