In un vecchio cimitero campestre


Quanta pietÓ destate nel mio cuore
Povere zolle ne l'oblýo lasciate!
Quante storie d'angoscia e di dolore,
Con un muto linguaggio a me narrate.

Ah! perchŔ tante cure e tanto ardore,
Tante larve fuggenti accarezzate,
Se tutte giaceranno nell'orrore
De la tomba le salme abbandonate?

Molce lo spirto che sospira e geme
Di pace arcana un'aura benedetta,
Fra tante croci misere, neglette,

Quando su l'ali de l'eterna speme
Fiducioso s'eleva e il premio aspetta
Che Dio concede a l'alme predilette.